fbpx Skip to main content
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Tess Parks live @ Chiostro di S. Andrea – Genova

Settembre 20 @ 19:00

€10

 

LilithIncadenza e DisorderDrama 
presentano

Tess Parks
(Fuzz Records – Toronto CAN)
pop psichedelico

Chiostro di Sant’Andrea
Via di Porta Soprana, 12, 16121 Genova GE

Martedì 20 Settembre 2022
h 19 apertura cancelli

h 2o inizio concerto

Ingresso 10€

BIGLIETTI SU DICE

 

Per la prima volta insieme, le Associazioni Culturali LilithIncadenza e DisorderDrama sono onorate di portare a suonare a Genova la cantautrice Tess Parks con la sua band, nel suggestivo complesso del Chiostro di Sant’Andrea, in pieno centro storico.

L’artista canadese con base a Londra ha dato alle stampe l’atteso nuovo album “And Those Who Were Seen Dancing” su Fuzz Club Records e Hand Drawn Dracula, dopo anni di tour internazionali in supporto del debutto “Blood Hot” del 2013 (pubblicato su 359 Music dal boss della storica CreationAlan McGee).
I brani sono stati assemblati tra il 2019 ed il 2021 a Londra, Toronto e Los Angeles ed il risultato è un disco che mescola la ‘spoken poetry‘ di Lydia Lunch e Patti Smith ad atmosfere che richiamano i Doors e, ovviamente, la psichedelia dei Brian Jonestown Massacre (col leader dei quali ha avuto una lunga collaborazione).

Prevendita disponibile dal 22 Agosto 2022 sul circuito DICE.

In caso di maltempo il concerto si terrà comunque presso altra sede.
Il concerto fa parte della rassegna Mermaids ed è organizzato all’interno delle attività del Patto di Sussidiarietà del Sestiere Del Molo.

Una produzione
Lilith – Festival della Musica D’Autrice & Etichetta Discografica
lilithassociazioneculturale.it
Incadenza
incadenza.it
DisorderDrama
disorderdrama.org

Tess Parks
(Fuzz Club Records – Toronto CAN)
pop psichedelico

bio: Nel corso degli anni, Tess Parks ha compilato oltre 70 libri di poesie (da cui trae i suoi testi), ha pubblicato tre dischi acclamati dalla critica, ha fatto tournée internazionali in club sempre esauriti e si è guadagnata la fedeltà di una fanbase di cui solo una cult-leader sarebbe capace. Ha già ricevuto tutte le conferme che un giovane artista potrebbe desiderare, dai riconoscimenti dell’industria che valgono oro al supporto e alla condivisione del palco con alcuni dei più grandi eroi della musica rock (Paul ‘Bonehead’ ArthursRideJesus and Mary ChainThe Dandy Warhols, ecc). Detto questo, sembra che Tess sia solo sul punto di pubblicare il suo capolavoro (o i suoi capolavori). Forse è questo che il leggendario tastemaker e forza creativa della Creation RecordsAlan McGee, ha visto nella Parks quando l’ha scritturata per la sua etichetta, la 359 Records.
Con il sostegno di McGee, l’artista ha pubblicato il suo debutto, “Blood Hot“, nel novembre 2013, riscuotendo il successo della critica e l’immediata approvazione come “nuova regina del cool”. “Blood Hot” è inimitabilmente sicuro di sé. A volte è lento e psichedelico, altre è forte e pronto a riempire uno stadio. Non c’è un momento dell’album che non sia riconducibile o che non suoni come un classico senza tempo di cui si parlerà negli anni a venire (allo stesso modo in cui oggi si discute dei dischi dei Velvet Underground o dei My Bloody Valentine).
Non c’è da stupirsi che lei e il profeta del rock Anton Newcombe, leader dei Brian Jonestown Massacre, abbiano unito le forze per i due dischi successivi. Il primo disco, “I Declare Nothing“, è stato pubblicato nel giugno 2018 con l’etichetta di Anton “a Recordings“. È possibile ascoltare sia la naturale propensione di Tess per i testi onesti che i toni di chitarra caratteristici di Anton, presenti in tutto il disco. Non sorprende che l’album abbia ricevuto recensioni entusiastiche da parte di fan e critici. L’album viene portato in tour davanti a migliaia di fan adoranti e Tess conquista tutti coloro che non hanno ancora accettato il passaggio della torcia. La Parks ha continuato a collaborare con Newcombe, scrivendo ed eseguendo diverse canzoni per i dischi dei Brian Jonestown Massacre, tra cui “Pish“, “Third World Pyramid” e “Dropping Bombs On The Sun“, oltre a prestare la sua voce al classico rivisitato “Fingertips“. Il seguito autoprodotto, “Tess Parks and Anton Newcombe“, uscito nell’ottobre 2018, ha ricevuto la stessa notorietà e gli stessi consensi del suo predecessore.
La musica si traduce immacolatamente anche nelle sue performance sul palco. E non c’è alcun segreto per il successo. Sul palco, c’è riverenza per la Parks. Quando canta, la folla è in silenzio. Si potrebbe sentire la caduta di un ago. Questo fino a quando Tess non irrompe in qualche battuta affascinante come “Fuck yeah! Siamo vivi. E non lo saremo sempre“. Se si riuscisse a distogliere lo sguardo dal palco, si vedrebbe un mare di persone sotto l’effetto di un incantesimo. Il seguito di culto si è trasformato in un movimento. E Tess è lieta di ricondurre tutti noi in quello spazio interiore, profondamente personale e allo stesso tempo universale. Incredibilmente attuale ma senza tempo. Cool e anti-cool. Un enigma che non ha bisogno di essere risolto. Tess Parks è come è sempre stata. Il suo lavoro migliore è già in circolazione. E il suo meglio deve ancora venire.

press: “Si chiude un cerchio per la talentuosa pupilla di Alan McGee. A quasi dieci anni dall’esordio “Blood Hot”, Tess Parks riprende in mano il proprio destino, svincolandosi dall’ingombrante presenza di Anton Newcombe dei Brian Jonestown Massacre. Un nuovo contratto, la sempre più solerte Fuzz Club e una solida progettualità restituiscono all’artista di Toronto un profilo più definito, che continua a oscillare tra psichedelia e vellutati toni shoegaze, ma privo in parte di eccessi o di toni esplicitamente derivativi. (…) Languori e sonorità lucenti inaugurano il vortice di alterazioni psichedeliche stile Velvet Underground/Mazzy Star, le minime variazioni armoniche (l’uno-due iniziale di “WOW” e “Suzy & Sally’s Eternal Return”) tengono salda la tensione con un mood pulsante e ipnotico che detta le coordinate dell’intero progetto. (…) Ci sono segnali di evoluzione stilistica, che contrastano con il vizioso circolo vintage, e non privo di una certa artificiosità, nel quale era stata risucchiata in passato: sono percepibili sia nella graffiante spoken-poetry di “Brexit At Tiffany’s”, un brano che vibra sulle stesse corde di una giovane Patti Smith, sia nella più suadente “Happy Birthday Forever“, un groove folk-psych che si evolve verso sonorità trip-hop scandite da synth pulsanti e accordi pianistici quasi gospel.” Gianfranco Marmoro – Ondarock.it

In her work with Newcombe, analog gear and reverb function as stylized Tarantino-esque props in the music. By contrast, Parks and her supporting cast—guitarists Ruari Meehan and Mike Sutton, keyboardist Francesco Perini and drummer Rian O’Grady—have re-defined psychedelia by bringing it into the now. And Those Who Were Seen Dancing certainly isn’t the first album to put a fresh spin on the psych aesthetic, but by shrugging off its constraints, Parks has left her own definitive mark on it. Perhaps inadvertently, by letting these songs change over time, she’s also shown us that we sometimes reap the most reward from the past, paradoxically enough, when we don’t try so hard to capture it.” Saby Reyes-Kulkarni – Paste Magazine

Tess Parks returns with a new album that continues to showcase her plaintive and beautiful psych music. Her ethereal voice once again cascades over simple but elegant and effective piano lines that run beneath many of the songs like an unsettling current, peaceful on the surface yet with a knowledge that what lies beneath brings something altogether more unsettling.” Nathan Whittle – Louder Than War

There’s undoubtedly a narcotic fug that runs throughout the album due in no small part to Park’s vocal delivery, which at times makes Mazzy Star sound like The Dickies on speed. It’s safe to say it’s an album that’s unlikely to end up on your “music to workout to” playlists. (…) Her cool, laconic drawl works best when paired with coruscating guitars and it’s at those moments that the album really shines. Hopefully, it won’t be a decade until she releases another solo album, as she’s undoubtedly a gifted artist with much to offer. ” Andy Von Pip – Under The Radar Mag

intervista e playlist: https://www.fredperry.com/subculture/articles/tess-parks

web: https://www.tessparks.com/
facebook: https://www.facebook.com/tessparksmusic
instagram: https://www.instagram.com/iamtessparks/
audio: https://www.tessparks.com/music
bandcamp: https://handdrawndracula.bandcamp.com/album/and-those-who-were-seen-dancing
video: https://www.youtube.com/user/tessparks

L’artista londinese e nata a Toronto Tess Parks è tornata con il suo atteso nuovo album “And Those Who Were Seen Dancing” il 20 maggio 2022 via Fuzz Club Records e Hand Drawn Dracula in Canada. Dopo anni di tour internazionali e una lunga lista di collaborazioni acclamate dalla critica con Anton Newcombe dei Brian Jonestown Massacre negli ultimi anni (più recentemente l’LP autointitolato del 2018 del duo), il nuovo album sarà il primo full-length da solista della Parks da quando il suo apprezzato album di debutto, “Blood Hot“, è stato pubblicato nel 2013 con l’etichetta 359 Music di Alan McGee. “Nella mia mente, questo album è come un gioco di prestigio“, dice Parks: “Queste canzoni sono state messe insieme nel tempo a Londra, Toronto e Los Angeles con amici e familiari tra l’agosto 2019 e il marzo 2021. Esistono molte altre versioni di queste canzoni. La registrazione e il completamento finale di questo album hanno richiesto più di due anni e la lezione che ho imparato di più è che le parole sono incantesimi. Se non lo sapevo prima, ora lo so per certo. Voglio solo mettere del bene nell’universo“. Una crescente e più che comprensibile disillusione nei confronti dello stato del mondo, unita a un infortunio che ha impedito a Parks di suonare la chitarra e il pianoforte per mesi, ha fatto sì che l’album venisse quasi accantonato per sempre: “Mi sentivo davvero scoraggiata a completare questo album“, ricorda: “Ho smesso di ascoltare musica per circa un anno e mi sono dedicata alla pittura. Ho dovuto convincermi di nuovo che è importante condividere tutto ciò che di buono possiamo fare, avendo fiducia in noi stessi e sapendo che la nostra luce può risplendere attraverso altre persone e per altre persone. Il pensiero che qualcuno non condivida la propria arte o sia timido nei confronti di ciò che crea mi sembra una vera tragedia. Anche se non è perfetto, stai catturando un momento“. Registrato nell’arco di due anni, ma con canzoni, testi e idee che risalgono a più di dieci anni fa in una forma o nell’altra, “And Those Who Were Seen Dancing” è un album pieno di momenti, persone e luoghi di questo tipo.
È stato il contagioso singolo di testa dell’album, “Happy Birthday Forever“, un pezzo di psych pop in levare quasi gospel, a incoraggiare Parks a finire il disco. “Questo testo è stato scritto quando vivevo in Henshaw Street a Elephant and Castle nel 2009. Credo di averla suonata in occasione di alcuni dei miei primi spettacoli da solista a Londra“, ricorda l’artista: “La canzone si intitolava originariamente, in modo molto intelligente e sorprendente, ‘Get Me Out Of Here’ e un giorno dell’ottobre 2020 mia sorella, Isabella, ci stava accompagnando a casa da una sessione di mixaggio e ho visto una targa con scritto ‘GMOOH’, che è il modo in cui l’ho sempre abbreviato, così ho pensato: ‘Ok, sono decisamente sulla strada giusta, devo esserlo. Devo finire questo album!”. Fortunatamente, Tess ha fatto esattamente questo, arruolando un cast di amici e familiari per contribuire al processo. L’album è stato realizzato con l’aiuto dei compagni di band della Parks, Francesco Perini, Rauri Meehan, Mike Sutton e Rian O’Grady, e anche i suoi genitori fanno la loro apparizione nella vaporosa e lenta apertura dell’album, “WOW” (il brano inizia con la madre della Parks che suona le sound-bowls e per tutto il tempo sentiamo il padre suonare il pianoforte del nonno). Sebbene sia guidata da un vocal fumante che incanala la poetica di Patti Smith o Lydia Lunch, Parks ricorda il processo di registrazione di “Brexit At Tiffany’s” come indicativo di come le sue parole abbiano trovato nuova vita con l’aiuto della sua band: “Stavamo registrando a casa di Rian e i ragazzi hanno iniziato a suonare questa musica che aveva la sensibilità di Ray Mananzarek dei Doors di Francesco e la chitarra alla Neil Young di Mike, e poi ho iniziato a leggere questa poesia che avevo scritto e che metteva insieme le definizioni di parole che trovavo interessanti e che avevo scritto. Il titolo è merito di Ruari che continuava a ripeterlo e tutti noi pensavamo che fosse la cosa migliore che avessimo mai sentito”. Parks ha iniziato a scrivere con Ruari Meehan durante le sessioni berlinesi del suo ultimo album con Anton Newcombe (“ci siamo seduti a un tavolo in studio e abbiamo scritto ‘Right On’ in circa cinque minuti, quindi abbiamo continuato da lì quando siamo tornati a Londra“) e “Suzy & Sally’s Eternal Return” è l’ultimo nato dalla collaborazione del duo: “Abbiamo basato la musica su ‘Jesus Is Walking’ di Al Green e avevo un testo che continuava a tornarmi in mente dal dicembre 2012. Questa canzone parla di come forse la vita potrebbe essere già un paradiso in terra… o un inferno ogni giorno, sei tu a decidere“. Per la maggior parte, “And Those Who Were Seen Dancing” segna un allontanamento più leggero e gioioso dallo psych-rock ipnotico del lavoro di Parks con Anton Newcombe, ma il garage-rocker ringhioso e strabordante “Do You Pray?” mantiene un piede ben saldo in quel mondo. Altrove, “I See Angels” è stata “scritta mentre uscivo da New York mentre sghiacciavano l’aereo per la seconda volta“, “We Are The Music Makers And We Are The Dreamer of Dreams” è un’”ode all’amore non corrisposto scritta nell’estate del 2012” e la conclusiva “Saint Michael” è nata “come una breve poesia che ho scritto mentre ero da sola nel furgone nel parcheggio di un ristorante – il nostro tour si era appena concluso la sera prima a Nantes e da lontano potevo vedere Mont-Saint-Michael“. Saranno anche passati nove anni da quando Tess Parks ha pubblicato il suo primo e unico album in studio (escluse le collaborazioni con Newcombe), ma le canzoni di “And Those Who Were Seen Dancing” e i ricordi, le persone e i luoghi che portano alla luce dimostrano che la Parks non si è affatto adagiata sugli allori negli anni trascorsi dal suo debutto “Blood Hot“. Prendendo il nome dalla citazione di Freidrich Nietzche “And those who were seen dancing were thought to be insane by those who couldnnot hear the music“, Tess Parks è tornata con una raccolta di sublime pop psichedelico che non si limita ad accogliervi a braccia aperte nel suo mondo, ma porta con sé anche il tipo di messaggio ottimistico e ispiratore di cui abbiamo disperatamente bisogno in questi tempi maledetti. “Questa citazione ha risuonato con me per anni“, dice l’artista: “La percezione è tutto. La pace è il momento senza giudizio. Anche se questo album non è quello che avrebbe potuto essere, è musica per le mie orecchie… Sto ballando“. Dal 20 maggio, quando “And Those Who Were Seen Dancing” è stato pubblicato nel mondo via Fuzz Club Records e Hand Drawn Dracula, tutti noi balliamo al suo fianco.

Dettagli

Data:
Settembre 20
Ora:
19:00
Prezzo:
€10
Sito web:
https://link.dice.fm/f71889d4e860

Luogo

Chiostro di S. Andrea
Vico Dritto di Ponticello
Genova, 16100 Italia
+ Google Maps
Visualizza il sito del Luogo